Follow Us @soratemplates

martedì 15 settembre 2020

Recensione: "La mia seconda vita tra zucchero e cannella" di Verena Lugert

10:00 0 Comments

 
Titolo: La mia seconda vita tra zucchero e cannella
Autore: Verena Lugert
Casa editrice: Astoria Edizioni
Data di pubblicazione: 12 settembre 2019
 
Sinossi
 
 “Una porta divide il mondo in due. 
Di qua il ristorante, tempio del piacere supremo e dell’eleganza in cui risuonano risate cristalline, battute pungenti e conversazioni fluide e dense come miele, 
interrotte qua e là dal tintinnio dei calici. 
Di là la cucina, l’universo parallelo in cui nei medesimi istanti il sangue scorre a fiumi perché qualcuno si è ferito, mentre altri piangono sommessamente con i nervi a pezzi, e altri ancora urlano, litigano, pestano i piedi, e – qualche volta – esultano.”

Un memoir-reportage sulle trincee delle cucine stellate, 
 ma anche un libro che racconta quant’è difficile e tuttavia entusiasmante cambiare vita, 
ricominciare dal livello più infimo della gerarchia lavorativa, dover obbedire a ragazzini che hanno la metà dei tuoi anni, abbandonare tutto ciò che ti aveva caratterizzato prima, 
l’indipendenza, in primo luogo, e la cultura letteraria, per poter diventare una cuoca di livello.
 
Recensione
 
Ho sempre desiderato scoprire come sono organizzate le brigate dei grandi ristoranti e grazie a Verena Lugert posso finalmente immergermi in questo mondo, ricco di soddisfazioni, ma soprattutto di fatica, bruciature e sacrifici.
L'autrice, con grande coraggio e un pizzico d'incoscienza, ha lasciato un lavoro ben pagato che le regalava molte soddisfazioni per inseguire il sogno di una vita, pur sapendo che gli chef solitamente iniziano la loro formazione alla scuola superiore o frequentano per anni prestigiose scuole di cucina, divenendo così prima dei 30 anni esperti nel loro settore.
 
Un giorno o l'altro, mi dicevo, un giorno o l'altro farai la cuoca. Finchè a un certo punto mi fu chiaro. [...] Devi volerlo davvero. Seguire un percorso. Completare una formazione.

Verena per colmare le sue lacune dispone della sua grande forza di volontà e di un corso di cucina super intensivo, durato sette mesi, che le fornisce una solida base di nozioni per iniziare la sua scalata alla montagna chiamata "cucina di un ristorante stellato".
I primi passi della sua carriera li muove in un locale appartenente a Gordon Ramsay di cui si ripercorre la storia, così come quella di altri chef molto noti che hanno rivoluzionato la ristorazione e costruito dei piccoli imperi con le loro mani.
L'impatto con questa nuova realtà è traumatico e nulla appare come lei aveva immaginato, dai colleghi ai turni di lavoro. 
Giorno dopo giorno Verena si sforza di migliorare, portare a termine i compiti assegnati, carpire i segreti del mestiere, ma farsi accettare da un gruppo ormai collaudato si rivela più difficile del previsto.
Nessuno le fa sconti e si sente ripetere spesso che quel lavoro non fa per lei, che si tratta di una sciocca fantasia e che ormai non può più cambiare la sua vita da giornalista.
Di fronte a una situazione d'impasse che ogni giorno sembra peggiorare Verena finalmente comprende come amalgarsi nella brigata, smettendo di ricambiare i dispetti con altri sgambetti e diventando un componente stimato del team.
 
 Tutta l'energia che ieri investivo cocciutamente nel conflitto, nel testa a testa, nei sabotaggi reciproci per mantenere vivo il sentimento dell'esclusione, nella rabbia, nel leccarmi le ferite - tutta quest'energia, adesso è liberata, e scorre a fiumi, e può finalmente essere incanalata nel lavoro.
 
 A volte il vero problema, è l'atteggiamento che adottiamo di fronte ad un ostacolo e la resilienza dell'autrice è senza dubbio uno degli aspetti che ho più apprezzato del volume. 
La Lugert fissa delle scadenze, si pone degli obiettivi, non si limita a lamentarsi se la vita ha preso una piega a lei non gradita. 
Ci mostra come i sacrifici e lo studio ripagano, in una società in cui la meritocrazia sembra regnare sovrana. Ho trovato "La mia seconda vita tra zucchero e cannella" ispirante, perchè tutti abbiamo bisogno, prima o poi, di esempi positivi che ci spingano a perseverare, a non archiviare in un cassetto i sogni con l'etichetta "irrealizzabile". Le sfide vanno affrontate, non aggirate, perchè ci permettono di crescere ed anche se in quei momenti vorremmo essere a chilometri di distanza, sono gradini da salire per raggiungere i nostri obiettivi.
Non voglio svelarvi il contenuto della seconda parte del volume, ma sappiate che l'autrice svela alcuni preziosi trucchi per le ricette più temute come il terribile uovo in camicia e racconta con dovizia di particolari di una particolare gara di cucina a cui ha preso parte.
Mi ha davvero emozionata leggere dei dubbi provati nel corso della manifestazione e di come le tremassero le gambe, ma sia rimasta salda al suo posto, a fianco di cuochi molto più esperti di lei.
Se amate cucinare o invece preferite i takeaway, questa biografia sarà comunque perfetta per voi!

Voto: 5/5

giovedì 10 settembre 2020

Blogtour: "La libreria dei misteri" di Massimo Polidoro (Piemme, Collana Il Battello a vapore)

09:30 3 Comments

 

Ciao Lettori, sono felice ed emozionata di partecipare al Blogtour 

dedicato a "La libreria dei misteri" di Massimo Polidoro: una storia davvero coinvolgente

edita da Piemme (Collana Il Battello a vapore) disponibile da giorno 8 settembre. 

La Libreria dei misteri con il suo proprietario, l'eccentrico Felix Zwingle, Tommy e Caroline, due ragazzi dall'intelligenza vivace che adorano immergersi nei grandi misteri della Storia, vi aspettano per tenervi compagnia conducendovi in un'appassionante avventura alla ricerca della verità.

Il divertimento non finisce qui, cari Lettori: attraverso le Tappe dell'evento curato da noi blogger potrete inoltre conoscere luoghi mozzafiato, realmente esistenti oppure nati dal genio di uno scrittore o di un regista.


Titolo: La libreria dei misteri
Autore: Massimo Polidoro
Casa editrice: Piemme (Collana Il Battello a vapore)
Data di pubblicazione: 8 settembre
 
Sinossi
 
 Per affrontare il compito assegnato dalla professoressa, Tommy e Caroline finiscono quasi per caso al Nautilus, una stranissima libreria di periferia gestita da un enigmatico individuo di nome Zwingle. In mezzo a volumi polverosi e sotto gli occhi attenti di un gattone rosso, quella che doveva essere una semplice ricerca si trasforma in uno straordinario viaggio nella conoscenza, che porterà i due amici a indagare su misteri famosissimi come Atlantide, il sacro Graal, lo yeti, gli ufo...
Ma tra sedicenti esperti e complottisti di professione, tra false piste e vicoli ciechi, Tommy e Caroline scopriranno che cercare la verità significa spesso imparare a riconoscere le bugie.

Non si deve avere paura di fare luce sui misteri, quando è possibile, e non si deve temere che così facendo il senso del mistero scomparirà. L'universo è un posto strano e meraviglioso, e ogni volta che lo osserviamo da vicino ci rendiamo conto di come la realtà superi anche la fantasia più sfrenata: ci saranno sempre cose che non sappiamo e che forse non sapremo mai. La passione per il mistero non morirà mai.


Librerie di carta: visitiamole tra le pagine!
 
 
Per i lettori le librerie sono labirinti in cui perdersi, scrigni che custodiscono tesori, 
bolle temporali in cui le lancette dell'orologio scorrono più lentamente.
 
Ne esistono di diversi tipi, cominciamo da quelle ... magiche!

in un negozio chiamato Il ghirigoro dove gli scaffali erano stipati fino al soffitto di libri grossi come lastroni di pietra e rilegati in pelle; libri delle dimensioni di un francobollo, foderati in seta; libri pieni di simboli strani e alcuni con le pagine bianche (Harry Potter e la pietra filosofale, J. K. Rowling, Salani Editore, 2001)

 
 
Qui i giovani maghi spendono con piacere galeoni, falci e zellini per comprare i libri per affrontare le lezioni ad Hogwarts e ogni tanto s'imbattono in una celebrità, come accade ad Harry Potter che si ritrova ad un firmacopie del famoso quanto egocentrico mago Gilderoy Allock.
Il ghirigoro ahimè è frequentato anche da soggetti privi di scrupoli, è il caso di Lucius Malfoy che non perde occasione per disprezzare i Weasley.
Un simpatizzante di Voi-Sapete-Chi- non è certo il cliente ideale per questa rispettabile e seria libreria.
fonte dell'immagine

Ci spostiamo adesso ad alta quota 
per scoprire ... 
una libreria volante.
La libreria volante di Dante di Jen Campbell
In questo libro conosciamo Dante (un drago davvero gentile) che trascorrere le sue giornate leggendo un libro dietro l'altro, 
ma soffre di solitudine, perchè tutti hanno paura di lui.
Quando incontra una generosa bambina di nome Elena con la quale condivide la passione per la lettura, i due fanno subito amicizia e decidono di realizzare un progetto davvero importante: dare vita a una libreria volante, costruita sulla schiena del drago 
per condividere con i lettori di tutto il mondo i loro romanzi preferiti.


Il libraio sotterraneo di Guido Quarzo
 Ci sono invece librerie sotterranee 
dedicate solamente ai libri per ragazzi, dai volumi cartonati con tante figure a quelli popolati da pirati e esploratori.
L'anziano Signor Cartesio ne gestisce una: è ubicata nella cantina di una cartolibreria e quasi tutti i giorni la visita un bambino di nome Nicolò.
 Si tratta di un luogo molto particolare, in cui tutto può succedere, compreso assistere alla scomparsa del libraio in modo inspiegabile e dover scrivere in fretta e furia una storia su un volume dalle pagine completamente bianche per riuscire a tornare a casa.
 
Il segreto della libreria sempre aperta di Robin Sloan


Esistono anche librerie aperte giorno e notte
perfette per chi teme di rimanere senza nulla da leggere.
 
Clay, un giovane designer che trova lavoro presso "La Libreria Sempre Aperta" di San Francisco ce la descrive come un negozio poco illuminato, con scaffali che arrivano fino al soffitto stracolmi di volumi e non particolarmente accogliente. 
Persino il suo proprietario, il Signor Penumbra sembra circondato da un'aura di mistero e la sua unica preoccupazione è accertarsi che il ragazzo sappia usare bene le scalette per accedere ai ripiani più alti. 
Questa libreria vende principalmente libri usati, i clienti sono sempre pochi e molto strani, ma ciò che incuriosisce più Clay è il Catalogo formato da testi di cui su Internet non c'è alcuna traccia.

fonte dell'immagine
Parlando di volumi d'antiquariato non si può non citare il negozio specializzato in libri antichi di Carlo Corrado Coriandoli, nella quale si rifugia Bastiano per sfuggire ai bulli che lo tormentano.
L'anima di una libreria è senza dubbio il suo libraio e Carlo nonostante i modi bruschi e la passione per la pipa, è un personaggio che svolge un ruolo determinante per aiutare Bastiano a crescere e superare le sue paure.
E' proprio grazie a lui che il ragazzino legge La Storia Infinita e scopre l'incredibile mondo di Fantàsia, di cui leggiamo nel romanzo di Michael Ende.


Non perdete le altre Tappe di questo Blogtour all'insegna dell'amore per le librerie e affrettatevi a cominciare anche voi a leggere "La libreria dei misteri"😉.
 
1- Presentazione del Blogtour, dell'autore Massimo Polidoro e di "La Libreria dei misteri" sul blog Il Confine dei libri

2- Alla scoperta delle librerie più famose del mondo sul blog Librintavola

3- Esploriamo le librerie più particolari con il blog Chronicles of a Bookaholic 

4- Librerie da film: ammiriamole sul grande schermo! Lily's bookmark (online giorno 11 settembre) 

 


Ringrazio le blogger che con i loro fantastici Post hanno partecipato al Blogtour, Elisa Impiduglia per l'organizzazione e la Casa Editrice Piemme per avermi fornito una copia digitale del volume per la Recensione.

lunedì 7 settembre 2020

Nuova Collana editoriale per DRI Editore: Royal Romance!

09:30 0 Comments

Ricevo e pubblico con piacere il Comunicato Stampa della DRI Editore con una notizia pazzesca!

DriEditore inaugura una nuova collana editoriale:
DriEditore Royal Romance!

Da oggi il catalogo Dri Editore si arricchisce ulteriormente con la nuova collana di romanzi contemporanei, Royal Romance!
La nuova collana è pensata per soddisfare il gusto di quanti amano le storie frizzanti, ma anche cariche di erotismo e colpi di scena. 
I romanzi Royal Romance tratteranno storie d’amore autoconclusive ambientate nel dorato mondo delle teste coronate. Sullo sfondo di dimore principesche, intrighi di corte e amori impossibili queste storie terranno le lettrici col fiato sospeso fino all’epilogo.

A inaugurare la nuova collana Royal Romance, vedremo presto un gradito ritorno del panorama editoriale rosa, e una delle nostre autrici più brave.
Restate sintonizzate sui canali ufficiali Dri Editore per scoprire titolo e autrice!

Canale Telegram: https://t.me/DriEditore
Newsletter: http://eepurl.com/gxZvXD
Instagram: instagram.com/dri_editore
Facebook: facebook.com/DriEditore
A PROPOSITO DI DRI EDITORE 
La mission di DriEditore è propagare e comunicare la qualità attraverso le emozioni. Grazie a queste ottenere un cambiamento, una crescita personale.
Questo vale sia per i libri pubblicati, a livello quindi di lavoro che viene fatto sugli stessi in fase di selezione, editing, marketing e promozione, sia per le persone che collaborano con noi.
Intratteniamo infatti rapporti professionali solo con figure che condividono la nostra vision e che lo fanno con il giusto spirito ed entusiasmo.
Chi lavora con noi deve essere contento e motivato, aggiungere incessantemente valore al gruppo e nel processo deve crescere costantemente sia professionalmente che umanamente.
Oltre che sul prodotto, i nostri sforzi sono concentrati anche e soprattutto nello sviluppare e divulgare il brand e incrementare e rafforzare la nostra community, sia di lettori che di collaboratori.
Queste ultime rappresentano le nostre risorse più importanti, e devono essere quindi sempre ben presenti per tutti e in tutte le fasi di lavorazione.

giovedì 3 settembre 2020

Review Tour: "Il Visconte che mi amava" di Julia Quinn (Serie Bridgerton #2)

10:00 0 Comments


 
Titolo: Il Visconte che mi amava (Serie Bridgerton #2)
Autore: Julia Quinn
Casa editrice: Mondadori
Data di pubblicazione: 1 settembre 2020
 
Sinossi
 
 La Stagione del 1814 sembra essere promettente e ricca di nuovi fidanzamenti. 
Certo, non per Anthony Bridgerton, erede di un antico viscontado, probabilmente lo scapolo più ambito di Londra, che non ha mai dimostrato alcun interesse per le faccende matrimoniali. 
E in realtà, perché mai dovrebbe? È il prototipo del libertino, un mascalzone allergico alle etichette dell'alta società e decisamente pericoloso per donne e fanciulle. 
Questo, quanto meno, è ciò che tutti pensano. In realtà Anthony non solo ha in animo di sposarsi, ma ha anche già scelto la futura moglie, Edwina Sheffield, una debuttante subito soprannominata "lo Splendore". 
Peccato che la dolce Edwina si rifiuti di accettare proposte senza l'approvazione della sorella maggiore Kate, una donna sicura di sé, o meglio una "zitella ficcanaso" che non ha la minima intenzione di affidare l'angelica sorellina nelle grinfie di un uomo del genere. 
Se vuole Edwina, Anthony deve prima riuscire a conquistare la fiducia di Kate. 
L'impresa rivelerà risvolti inaspettati, e indubbiamente piacevoli.
 
Recensione
 
 Ringrazio la Mondadori per avermi fornito una copia digitale del romanzo per questa Recensione e la blogger Amarilli di Sogni, pensieri e parole per aver organizzato il Review Tour.

"Il Visconte che mi amava" si è rivelata una lettura intrigante e divertente;
 le mie aspettative infatti sono state pienamente soddisfatte sia per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi che per l'ambientazione. 
La Quinn ricostruisce con cura il contesto sociale dell'epoca, regalandoci uno spaccato della vita di una ricca e nobile famiglia all'inizio del XIX secolo, con i suoi obblighi, gli scandali, le feste e i pettegolezzi che corrono di bocca in bocca. 
Se avete amato il classico "Emma" non potrete che adorare questo romanzo in cui i dialoghi brillanti vi strapperanno più di un sorriso, grazie a una protagonista che è determinata a non cedere di fronte agli occhi di un bel giovanotto e rimane ferma nelle sue convinzioni per salvaguardare il futuro di chi ama. 
Quando la conosciamo, Kate è rassegnata a ricoprire il ruolo di chaperon di Edwina, la sorella minore che fa girare la testa a tutti gli uomini della buona società inglese.
Accanto alla ragazza, la nostra eroina viene sistematicamente ignorata, sebbene possieda lineamenti aggraziati e la sua conversazione sia brillante; Kate quindi, non appena si accorge dei tentativi di un certo Bridgerton di ingraziarsi le sue simpatie, non può che respingerlo in maniera schietta e diretta.
       Egli ha effettivamente un secondo fine, è infatti deciso a sposare Edwina, ma necessita del benestare di Kate, semplice da ottenere come svuotare un mare con un colino.
I due decidono di giocare a carte scoperte, situazione mai affrontata dal nobile Anthony che nonostante sia poco incline a dedicare la sua attenzione a fanciulle delle classi elevate non riesce a tirarsi indietro di fronte a una sfida di tale portata.
 
«Permettetemi di impedirvi di commettere

un grave errore, Miss Sheffield».

Lei si irrigidì. «Come, scusate?»

«Credo» rispose lui pacatamente «che foste sul punto di

dire qualcosa di cui presto vi sareste pentita.»
 
I rapporti tra i due, iniziati con il piede sbagliato, sono caratterizzati da animate conversazioni, incidenti imbarazzanti e una crescente intimità.
 

Lui ritirò subito la mano ma lei l’aveva visto e, in quel

momento, capì che lo amava con tutto il cuore. Con ogni

pensiero, ogni emozione, con ogni parte del suo essere, lei

lo amava.

 
Si assiste, capitolo dopo capitolo, alla nascita del loro appassionato legame, che consente ai nostri beniamini di scacciare finalmente i fantasmi che li tormentano e afferrare il tanto decantato lieto fine che mai avrebbero osato sognare.
Punti bonus vanno assolutamente assegnati alle cronache di Lady Whistledown attraverso le quali la Quinn sfoggia un umorismo graffiante e regala grandi risate a chi legge.

La festa in campagna è un evento molto pericoloso. Le persone

sposate si trovano spesso in compagnia di coniugi non

propri e quelle non sposate rientrano spesso in città molto

fidanzate.

In effetti i fidanzamenti più sensazionali avvengono proprio

in seguito a questi incanti bucolici.

 
 Non vedo l'ora di continuare questa bellissima serie,devo assolutamente scoprire cosa succederà agli altri componenti della scoppiettante famiglia Bridgerton. 
 
Voto: 5/5
 
-La copia digitale per la Recensione è stata fornita da Mondadori-

mercoledì 2 settembre 2020

Nuove uscite Fantasy di Settembre (Fanucci Editore)

13:10 3 Comments

 

Titolo: L'apprendista assassino (Trilogia dei Lungavista #1)

 

Autore: Robin Hobb

 

Casa Editrice: Fanucci Editore

 

Sinossi

Un'umanità di servi e signori abita un mondo pervaso da una magia sottile e inquietante, fra intrighi di corte e minacce di misteriosi pirati in grado di manipolare le loro vittime privandole di ogni forma di raziocinio e sentimento. 

Tra questi pericoli si aggira il giovane Fitz, un "bastardo" di stirpe reale, la cui sola consolazione è un magico e tenero legame con gli animali. 

Accolto a corte, Fitz dovrà apprendere l'uso delle armi e le regole dell'etichetta, ma il suo destino è legato all'abilità di uccidere nell'ombra. Diventare un assassino vuol dire intraprendere un mestiere crudele e solitario, e soprattutto scoprire i propri poteri, lascito del sangue dei Lungavista...

 

 

Titolo: L'assassino di corte (Trilogia di Lungavista #2)

 

Autore: Robin Hobb

 

Casa Editrice: Fanucci Editore

 

Sinossi

Il bastardo reale sta crescendo. Fitz ormai non è più un ragazzino inesperto: gli si legge in volto il sangue del padre. 

È sopravvissuto alla sua prima pericolosa missione come assassino del re eppure, sofferente e amareggiato, sogna di rompere la promessa fatta a re Sagace, rimanendo nel lontano Regno delle Montagne. Ma l'amore mai dimenticato per Molly e la visione di eventi tragici lo riconducono alla corte di Castelcervo, fra i mortali intrighi della famiglia reale dei Lungavista...

 

Titolo: Kull di Valusia (Il ciclo completo)

 

Autore: Robert Howard

 

Casa Editrice: Fanucci Editore

 

Sinossi

Un imponente corteo di guerrieri sfila per le strade di Valusia, tra le grida della folla e i fiori gettati dalle donne. Si susseguono trombettieri, arcieri, fanti con ampi scudi che rimbombano all’unisono, “il corpo militare più potente del mondo, le Guardie Rosse”, i mercenari selvaggi, ancora arcieri e fanteria e infine di nuovo trombettieri a chiudere la sfilata. 

Il re Kull osserva questo spettacolo impressionante con orgoglio, non dall’alto di un palazzo, assiso su un trono, ma “sulla sella di un grande stallone, come un vero re guerriero”. Il popolo osserva il possente sovrano con sentimenti contrastanti: molti ammirano il suo valore e la sua prestanza fisica, altri lo considerano un “maledetto usurpatore, venuto dalle isole pagane”: per questi ultimi è una vergogna che un barbaro proveniente dalla selvaggia Atlantide sieda sul trono di Valusia. 

Kull ha conquistato col ferro quel trono, uccidendo il sadico re Borna che aveva voluto quell’ex schiavo ed ex gladiatore a capo delle sue Guardie Rosse, e col ferro lo mantiene, tra mille congiure e pericoli. Pericoli dai quali a quanto dice vuole proteggerlo Ka-Nu, ambasciatore del re dei Pitti a Valusia, che affianca a Kull il prode guerriero Brule: i due dovranno sventare le trame omicide di una spietata setta di uomini-serpente...